Blog Post

“CROSSFIRE HURRICANE”, L’INCHIESTA SUL RUSSIAGATE, ESCE ORA ALLA LUCE DEL SOLE

“CROSSFIRE HURRICANE”, L’INCHIESTA SUL RUSSIAGATE, ESCE ORA ALLA LUCE DEL SOLE

Di Silvano Danesi

Dopo la decisione di Donald Trump di declassificare i documenti dell’Obamagate, il senatore repubblicano Lindsay Graham ha rilasciato (venerdi 15 gennaio 2021) 11 trascrizioni di interviste condotte durante l’indagine del Comitato giudiziario del Senato sull’uragano Crossfire. Ora la questione del Russiagate, poi denominato da Trump Obamagate, sta venendo alla luce del sole sulla base di documenti ufficiali.

Nel luglio del 2016, Peter Strzok ha aperto un’indagine, soprannominata “Crossfire Hurricane”,  per sospetti (poi rivelatisi senza prove) che i russi si fossero infiltrati nello staff di Trump.

Il senatore Graham ha aspettato di rilasciare le trascrizioni a pochi giorni dall’inaugurazione presidenziale.

Il Comitato Giudiziario ha anche rilasciato un comunicato stampa al riguardo, che recita quanto segue:

“Il Comitato giudiziario del Senato, presieduto dal senatore statunitense Lindsey Graham (Repubblicano-South Carolina), ha rilasciato oggi [venerdi 15 gennaio, ndr]le trascrizioni delle interviste condotte durante la sua inchiesta sulle origini e le conseguenze dell’indagine sull’uragano del fuoco incrociato. Considero l’indagine Crossfire Hurricane un enorme fallimento del sistema da parte dei dirigenti senior, ma non rappresentativo dei patrioti dediti e laboriosi che proteggono la nostra nazione ogni giorno al Federal Bureau of Investigation e al Dipartimento di Giustizia. In qualità di presidente della commissione giudiziaria del Senato, ho deciso di rilasciare tutte le trascrizioni delle deposizioni che coinvolgono la supervisione del comitato sull’indagine sull’uragano Crossfire. Abbiamo rilasciato quanto più materiale possibile, ma parte del materiale classificato è ancora stato trattenuto. Apprezzo tutti coloro che hanno partecipato alle deposizioni e il loro candore. Hanno tracciato un percorso per permetterci di riformare il sistema. Credo che Crossfire Hurricane sia stata una delle indagini più incompetenti e corrotte nella storia dell’FBI e del DOJ. Il tribunale FISA è stato mentito. Le informazioni a discarico sono state nascoste sugli indagati. Gli investigatori, con alcune notevoli eccezioni, erano incredibilmente prevenuti e hanno utilizzato i poteri delle forze dell’ordine per scopi politici. I soggetti dell’indagine hanno avuto le loro vite sconvolte. La mia speranza è che le indagini di controspionaggio vengano frenate e questo non accada mai più in America. La leadership dell’FBI sotto Comey e McCabe era o era grossolanamente incompetente o consentivano consapevolmente enormi misfatti. C’era un occhio chiuso verso qualsiasi spiegazione diversa dalla collusione della campagna di Trump con potenze straniere. Ad ogni svolta l’FBI e il Dipartimento di Giustizia hanno eseguito segnali di stop che erano in abbondanza riguardo alle informazioni a discarico. Le richieste di mandato FISA contro Carter Page erano una farsa, e coloro che le hanno firmate hanno ammesso che se avessero saputo quello che sanno ora, non l’avrebbero firmato. È difficile credere che gli alti funzionari dell’FBI non sapessero che lo Steele Dossier era stato rinnegato dalla sottorisorsa russa. È altrettanto difficile credere che gli avvertimenti della CIA e di altre agenzie sull’affidabilità di Christopher Steele e del dossier non fossero noti ai dirigenti senior. È mia speranza che il rapporto Durham ritenga coloro che sono responsabili della parodia chiamata Crossfire Hurricane. Non c’era “là “lì. L’indagine è stata avviata quando avrebbe dovuto essere interrotta e l’unica spiegazione logica è che gli investigatori volevano un risultato a causa del loro pregiudizio. L’ex direttore dell’FBI Comey e il suo vice McCabe, a causa della loro incompetenza e pregiudizi, hanno reso un grave disservizio all’FBI e al DOJ, e la leadership senior del DOJ che ha firmato il prodotto di lavoro chiamato indagine Crossfire Hurricane ha creato una macchia sulla reputazione del dipartimento che può essere cancellata solo da una vera riforma. Spero che i media guardino da vicino quello che è successo ed esaminino questi documenti, ma non sto trattenendo il respiro. Apprezzo il duro lavoro dell’ispettore generale Horowitz che ha scoperto i massicci abusi di Crossfire Hurricane. Il suo team dovrebbe essere orgoglioso del lavoro svolto, poiché verrà utilizzato nel tempo per riformare il DOJ e l’FBI. Sono orgoglioso del personale della Magistratura e del prodotto di lavoro prodotto dalla Commissione Giudiziaria del Senato. Sono deluso dal fatto che i democratici non abbiano preso la cosa più seriamente, ma credo che ciò che ha fatto la commissione aprirà la strada alle riforme tanto necessarie per quanto riguarda le indagini future. Perseguirò le riforme delle indagini di controspionaggio e delle richieste di autorizzazione, e spero che i miei colleghi democratici e repubblicani possano trovare un terreno comune su queste questioni. Spero e mi aspetto anche che il direttore dell’FBI Wray continui le riforme che ha avviato. È difficile credere che qualcosa come Crossfire Hurricane possa essere accaduto in America. La linea di fondo è che andando avanti dobbiamo avere più controlli ed equilibri quando si tratta di indagini politiche. Dobbiamo avere firme più significative sulle richieste di mandato e dobbiamo ripristinare la fiducia del popolo americano in questo sistema “.

Con la declassificazione e la pubblicazione dei documenti si apre una nuova pagina per la ricerca della verità.

Il comitato ha rilasciato 11 trascrizioni di interviste bipartisan al personale condotte da martedì 3 marzo 2020 a giovedì 29 ottobre 2020.

ARCHIVIO DOCUMENTI

Trascrizioni combinate

 PDF ricercabile combinato, tutte le 11 trascrizioni sottostanti (con segnalibri .pdf) [1.837 pagine, 22,2 MB]

Download delle singole trascrizioni

 Handling Agent 1: intervistato martedì 3 marzo 2020 [159 pagine, 1,1 MB]

 Michael B. Steinbach: intervistato venerdì 12 giugno 2020 [148 pagine, 1,1 MB]

 Stephen C. Laycock: intervistato lunedì 15 giugno 2020 [70 pagine, 0,5 MB]

 Dana J. Boente: intervistata lunedì 22 giugno 2020 [128 pagine, 0,6 MB]

 Bruce Ohr: intervistato martedì 30 giugno 2020 [182 pagine, 1,8 MB]

 Stuart Evans: intervistato venerdì 31 luglio 2020 [231 pagine, 14 MB]

 Supervisory Special Agent 1: giovedì 27 agosto 2020 [179 pagine, 1,4 MB]

 Jonathan Moffa: intervistato mercoledì 9 settembre 2020 [221 pagine, 1,3 MB]

 Vice capo, Sezione controspionaggio e controllo delle esportazioni, Dipartimento di giustizia: intervistato venerdì 18 settembre 2020 [75 pagine, 0,7 MB]

 Case Agent 1: intervistato venerdì 25 settembre 2020 [239 pagine, 1,4 MB]

 Analista dell’intelligence di vigilanza: intervistato giovedì 29 ottobre 2020 [205 pagine, 2,4 MB]

About Silvano Danesi

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.